Et  voilà!

Ecco, sono al mio primo post.

Sono emozionata.

Potrei da subito avere il blocco della pagina bianca ma ce la posso fare.

Ho deciso di sbarcare qui perchè ho bisogno di raccontare, raccontare, raccontare, a chiunque voglia stare ad ascoltare.

E’ domenica qui da me, immagino che lo sia anche altrove.

E dopo aver dormito tanto da non poterne più, per fare la scorta di sonno per tutta la settimana a venire, mi alzo mi guardo intorno e precipito in quello stato leggermente catatonico che ritrovo ogni domenica.

Oggi ci sono i negozi aperti, perchè pare che il Natale sia in arrivo, ma non ho nessuna voglia di farmi agguantare dalla folla che cammina per le strade in un enorme branco senza una meta. Me ne starò qui, penso, al calduccio della mia casetta.

Dopo una mezz’ora in cui mi sono crogiolata nel piacevole pensiero del suddetto calduccio della succitata casetta, comincio a domandarmi cosa cavolo fare, come farò ad impiegare tutto questo tempo libero.

Il famoso tempo libero.

Ma libero da che?

E libero lui o liberi noi?

Dovrò approfondire il problema.

Comunque ormai ci siamo, è domenica.