And the winner is…

Si alza dalla sua poltrona di velluto rosso, con l’aria stravolta dall’emozione.
I primi ad affollarsi intorno a lei sono gli amici, poi altri di cui incrocia gli sguardi, alcuni cercano di afferrarle una mano.
Sul palcoscenico Mr. Fiottolino e Mr. Ciottolino, in smoking che parlano in inglese (in queste cerimonie si parla sempre in inglese è chiaro), brandiscono una statuetta a forma di gatina d’oro, vestita di una strana maglietta.
Si ritrova così sul palco, luci, microfoni, emozione e, con le lacrime agli occhi dice:
“Sono commossa, confusa ed emozionata. Da quando ero bambina sognavo di ricevere questo premio ed ora che sono qui voglio ringraziare tutti quelli che hanno creduto in me fin dall’inizio, in particolare Fiottolino mio committente ed editore, Ciottolino in qualità di membro eminente dell’Accademy, Fuorisincro che mi ha dato l’annuncio, e tutti gli altri che mi appoggiano e mi spronano ad andare avanti. Dio, la patria e la famiglia li lascio per il prossimo discorso.”
Si allontana soffiandosi rumorosamente il naso.






Annunci